Segnali…

Probabilmente sono visionaria,  però ci sono dei momenti, in cui qualcosa si scatena e non riesco semplicemente ad ignorarla…
Martedì pomeriggio quasi qualunque… a parte per l’ovvio casino nella mia mente scatenato dal finale di stagione di Bones, quarta serie, che finalmente mi sono decisa a guardare… guardare… divorare più che altro.
E’ una settimana che ho frasi random in inglese nella testa, un pò come quando ti resta il motivetto dell’hit dell’estate e te la continui a canticchiare, però mi fa solo bene, e in ogni caso non stavo parlando di questo.
Lezione in accademia alle 15:00, ovviamente faccio tardi per rimanere a guardare il telefilm, ma ne vale sempre la pena, nella fretta di uscire di casa, prendo 10 secondi per mettere le cuffie al cellulare e attivare il lettore mp3, infilo le cuffie, e parto.
Ci terrei a specificare che io sono una "random-fanatica" nel senso che sia nel cell che nel mio ipod la riproduzione casuale è impostata di default, però quando lo accendi, beh da una canzone devi comunque partire e quindi come fare per scegliere? Semplice, scorro la barra senza guardare e poi clicco a caso.
Oggi pomeriggio? February Song – Josh Groban, la conoscete perchè l’ho già postata, però oggi mi ha detto qualcosa di diverso, oggi si è avvicinata di più e susssurrato qualcosa al mio orecchio che prima avevo colto solo in parte, mentre andavo in accademia non avevo più "freddo" c’era il vento ma stavo bene e non era per il sole, come sareste portati a pensare, è successo altre volte. Mi è successo altre volte, certo, non con Mr Groban, ma con qualuno più in alto di lui, con cui la cosa non mi sorprende affatto.
La cosa ironica è che io sono nata a Febbraio, ma il fatto che oggi la canzone mi abbia rispecchiato in maniera così completa è stata…non lo so, non saprei nemmeno come spiegarlo, però mi sono sentita bene, immaginavo di cantarla alle persone a cui voglio bene e a cui so farebbe bene sentirmela cantare, ma significherebbe ammettere problemi che ora come ora, non mi sento di avere.
E’ stato consolante, per me invece sentire lui, nelle orecchie cantarmi una canzone che all’improvviso sentvo così vicina, è come se mi avesse detto "Sta tranquilla, va tutto bene, ci siamo noi qui con te" e beh… diciamo che mi ha regalato quattro minuti di paradiso.
Poi, il Random ha fatto un’altra magia… mi ha ricordata che si, il 70% di me è pura dolcezza, zucchero e miele DOP ma c’è un 30% che non lo è affatto.
E chi, meglio di Jyrki69 per ricordarmi che non sono tutta panna, miele e zucchero? nessuno.
Back in Blood, baby.
Purtroppo non sono riuscita ad arrivare nemmeno al primo ritornello, perchè il mio tragitto da casa all’accademia consiste esattamente in una canzone e un pò.
Però Back in Blood ha scatenato una reazione chimica che le 3 ore di lezione non sono riuscite a cancellare e così, dopo essere uscita dal supermercato per la spesa, ho rimesso le cuffie e sono ripartita verso casa.
Back in Blood, baby….parte seconda.
La sicurezza e il senso di potere che riesce a darmi la musica sono incredibili, mi sono sentita di nuovo viva, dopo giorni di totale immersione nell’apatia.
Ma non bastava il collegamento invisibile che si era creato fra il pomeriggio con l’interruzione forzata della canzone alla sera, con la ripresa della canzone in questione…no… il mio Nokia poteva fare di meglio.
Ed eccomi servita, finita Back in Blood… riecco February Song.
Due all’andata, due al ritorno… io mi chiedo, su 15 ore e passa di musica che ho sul cellulare, qualcosa dovrà pure significare? E’ possibile che sia solo una coincidenza?
Come quando guardo lo stereo in macchina gli chiedo una canzone e lui me la mette, l’ultima volta coi 3 Doors Down ho fatto due "richieste", e lui me le ha messe, una dopo l’altra, nonostante il random, nonostante avesse più di cento file fra cui scegliere.
Qualcosa sicuramente vorrà dire, mi piace pensare che io sia "empatica" con le mie cose "tecnologiche" che loro riconoscano che io le tratto bene, e quindi trattano me alla stessa maniera, ma non so se il pc, il telefono e l’ipod possono essere considerati esseri sensienti, nonostante gli diamo il nome e di solito inveiamo contro di loro come se fossero cose vive.
Quante volte avete urlato "brutto stronzo" al pc perchè non voleva funzionare? Beh io più che altro lo coccolo, ma ognuno ha i suoi metodi…
Ad ogni modo, non lo so se è stato un caso, ma c’è da dire che questa canzone, stasera è la mia canzone e quindi la ripropongo, col testo in entrambe le lingue, perchè penso che il messaggio sia stato "Federica, condividi questa cosa" e il blog mi è sembrato l’unico mezzo di "diffusione" personale che ho.
Come ho già detto avevo già inserito il video della canzone, e siccome non voglio ripetermi, stavolta metto un Live, c’è una ragazza che lo presenta, ma fate finta che non esista. Il testo è sotto, così potete leggerlo mentre ascoltate.

February Song / Canzone di Febbraio

Where has that old friend gone
Dove è andato quel vecchio amico
Lost in a February song
Perso in una canzone di Febbraio
Tell him it won’t be long
Digli che non passerà molto tempo
Til he opens his eyes, opens his eyes
Prima che apra i suoi occhi
Where is that simple day
Dov’è quel giorno semplice
Before colors broke into shades
Prima che i colori si rompessero in ombre
And how did I ever fade
E come ho mai fatto a sbiadire
Into this life, into this life
In questa vita

And I never want to let you down
Non ho mai voluto lasciarti
Forgive me if I slip away
Perdonami se scivolo via
When all that I’ve known is lost and found
Quando tutto quello che ho conosciuto è andato perso e ritrovato
I promise you I, I’ll come back to you one day
Ti prometto che tornerò da te, un giorno

Morning is waking up
La mattina si sta svegliando
And sometimes it’s more than just enough
E a volte è più che sufficiente
When all that you need to love
Quando tutto quello che hai bisogno di amare
Is in front of your eyes
E’ di fronte ai tuoi occhi
It’s in front of your eyes
E’ di fronte ai tuoi occhi

And I never want to let you down
E non ho mai voluto lasciarti
Forgive me if I slip away
Perdonami se scivolo via
Sometimes it’s hard to find the ground
A volte è difficile trovare il terreno
Cause I keep on falling as I try to get away
Perchè continuo a cadere mentre cerco di scappare
From this crazy world
Da questo mondo pazzo

And I never want to let you down
E non ho mai voluto lasciarti
Forgive me if I slip away
Perdonami se scivolo via
When all that I’ve known is lost and found
Quando tutto quello che ho conosciuto è stato perso e ritrovato
I promise you I, I’ll come back to you one day
Ti prometto che tornerò da te, un giorno

Where has that old friend gone
Dove è andato quel vecchio amico
Lost in a February song
Perso in una canzone di Febbraio
Tell him it won’t be long
Digli che non passerà molto tempo
Til he opens his eyes
Prima che apra i suoi occhi
Opens his eyes

Apra i suoi occhi

Se vi state chiedendo che canzone sia capitata dopo February song…beh prima di tutto ero arrivata a casa, e secondo…era una canzone inclusa nel cellulare al momento dell’acquisto, che non ho ancora cancellato….
Quindi, nessuno dopo di loro…
Annunci

One thought on “Segnali…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...