Review: TvShow – Sinbad (Sky1, UK – 2012)

Molto spesso mi capita di gasarmi e di conseguenza avere voglia di parlare per ore e ore di cose per cui la maggior parte delle persone che ho intorno, non prova il minimo interesse.
Mi danno retta quei 10 minuti, ma poi devo cambiare argomento per non rischiare di annoiare, ed è per questo che ho pensato di inserire una nuova cetegoria, quella delle ‘recensioni’.
L’idea è di recensire qualsiasi cosa mi capiti di guardare, leggere o ascoltare, degno di nota o che comunque mi dia spunti di riflessione.E inauguro questa categoria nuova con uno show televisivo che si basa su un personaggio e le sue avventure a me particolarmente caro – e chi mi conosce lo sa 😛 – Sinbad il marinaio.
Premetto, prima di dire qualsiasi altra cosa, che il mio affetto per questo personaggio proviene dalla passione sfrenata che avevo ‘qualche’ anno fa, per un’altro telefilm basato sullo stesso personaggio “The New Adventures of Sinbad” 1996, produzione Canadese.
Questo telefilm è stato il primo show che in qualche modo mi ha ossessionata, non perdevo un episodio, sia inedito che replicato, ero costantemente aggrappata al Tv Sorrisi e Canzoni per scoprire se e quando lo avessero ritrasmesso anche negli anni successivi e parliamoci chiaro, il mio nickname “Lady Maeve” viene da lì.
Sul filone dei vecchi telefilm cult come Xena ed Hercules, The New Adventures of Sinbad mi ha coinvolta subito per le dinamiche di gruppo che non c’erano nè in Xena, nè in Hercules, che fondamentalmente si basavano su un “duo” di personaggi (protagonista e spalla), qui invece i personaggi erano 5 ed ognuno aveva la sua storia, le sue caratteristiche e portava qualcosa di unico e particolare nel gruppo che funzionava alla perfezione nel contesto.
(dinamiche che ho poi ritrovato in uno show simile ‘The New Adventures of Robin Hood’ ) si creava quella situazione di familiarità e fiducia nei personaggi che mi ha sempre incantata, probabilmente perchè a conti fatti desideravo anche io un gruppo di ‘amici’ a cui fare parte, qualcuno che potessi definire ‘famiglia’ anche se non c’erano legami veri di sangue. Per questo show ho avuto una vera e propria dipendenza, durata anni, continuata poi con l’aiuto di internet che mi ha permesso di trovare siti web e informazioni che durante le prime messe in onda non ero in grado di raggiungere, quindi immaginate la mia sorpresa e la mia morbosa curiosità quando dopo 14 anni, scopro che nel Regno Unito, Sky1 ha deciso di recuperare il personaggio di Sinbad, per un nuovissimo telefilm!

Ho dovuto immediatamente iniziare a guardarlo per capire con cosa avevo a che fare, fare i paragoni è naturale quando ami una cosa così tanto, ma mi reputo abbastanza intelligente da farli finire ad un certo punto e continuare per la mia strada quando non c’è più niente da paragonare.
Ovviamente questa recensione sarà totalmente spoiler free, non voglio togliervi il gusto di guardarlo.
Iniziamo proprio con la parte di comparazione:
Tralasciando i QUINTALI di Photoshop usati per questa immagine promozionale, si capisce subito una cosa – rispetto alla versione Canadese del ’96, questo Sinbad è sicuramente più realistico nella scelta del cast, per quanto fosse adorabile Zen Gesner, un Sinbad biondo e con gli occhi azzurri era abbastanza improbabile, Elliot Knight (ovviamente il ragazzo al centro dell’immagine promozionale) è sicuramente più credibile visivamente.
Un’altra differenza fondamentale è il punto dal cui le storie dei telefilm vengono raccontate:
Nel ’96 Sinbad ritorna a Baghdad dopo due anni passati in mare, mentre nel 2012, incontriamo un Sinbad nato e cresciuto a Basra, che non ha ancora il mare nella sia vita.
Nel ’96 Sinbad mette insieme un equipaggio per uno scopo preciso – Salvare la figlia del Califfo – nel pilot e ritrovare il suo maestro, lo stregone Dim Dim dopo.
Nel 2012, l’equipaggio di Sinbad viene messo insieme da una serie di eventi più o meno fortunati.
Ed da qui che le nostre strade si dividono, perchè è già chiaro che stiamo parlando di due cose completamente a sè stanti e che qualsiasi paragone diventa abbastanza stupido ed inutile.
Quindi passiamo alla trama, ai personaggi e a quello che penso personalmente di questo telefilm.

Lo schema del telefilm è diverso da quello che ci si aspetterebbe guardando i primi episodi, che partono e sviluppano una trama ben precisa:
Sinbad un giovane ladruncolo di Basra, uccide in un combattimento clandestino il figlio di Lord Akbari (interpretato da Naveen Andrews il Sayid della serie Lost) fratello dell’Emiro di Basra. Akbari per ripagare il debito di sangue (una vita per una vita) cattura Sinbad e suo fratello più grande, Jamil, uccidendo quest’ultimo davanti agli occhi di Sinbad.
Distrutto dalla colpa e dal dolore, Sinbad scappa dalla prigione e torna a casa, dove sua nonna lo maledice – ‘Non potrai più mettere piede per più di un giorno sulla terra ferma’ – e gli aggancia un medaglione al collo.
Qui Sinbad è ovviamente costretto a fuggire per il mare e si imbarca clandestinamente su una nave – La Providence.
Quello che non sa è che Lord Akbari, non è soddisfatto e ha giurato di trovare Sinbad e ucciderlo per quello che ha fatto a suo figlio, fomentato nell’odio dalla sua strega Taryn, ignorando i saggi consigli del fratello, l’Emiro.
A conti fatti, ci ritroviamo davanti una trama che potenzialmente potrebbe durare tutta una stagione – forse anche più di una – con Sinbad che tenta di scappare da Lord Akbari cercando contemporaneamente di sopravvivere alla maledizione di sua nonna, che lo costringe a non restare a terra per più di un giorno, c’è tanta di quella carne al fuoco che ci si potrebbe mangiare per molti più di 12 episodi (tutta la prima serie) ma alla fine – e lo dico senza spoilerare niente – tutta questa trama viene risolta e conclusa molto prima, forse anche in maniera un pò frettolosa, lasciando lo spazio ad un enorme “E adesso?” che se da un lato suscita curiosità, dall’altro fa rimanere un pò male per la velocità con cui tutti i nodi sono stati sciolti e altri sono stati lanciati lì così, tanto per, senza un particolare filo conduttore.
La fretta che ho trovato nella trama, l’ho riscontrata anche nei personaggi, che vengono definiti un pò qui e un pò lì, con frasi o episodi velocissimi all’interno dei vari episodi in attesa di avere l’episodio centrale – esplicativo – che te li fa conoscere un pò meglio.
Passiamo appunto a parlare dei personaggi:

Cook – È il primo partendo da sinistra nella foto promozionale che ho messo sopra. È l’unico, vero, lupo di mare. Cuoco di bordo (e chi lo avrebbe mai detto, visto il nome, eh?)  e unico superstite dell’equipaggio originale della Providence, ama talmente tanto la sua nave che non si muove mai da lì, nemmeno per fare provviste. Fino ad ora, è il personaggio meno definito e probabilmente il più simpatico, non gli interessa niente che non sia la sua nave o il buon cibo. Credo che abbia molto potenziale non sviluppato, se da un lato il suo stare sempre sulla nave sia uno svantaggio perchè gli altri si ritrovano con una spada in meno, dall’altro è realistico che a quel tempo qualcuno restasse perennemente sulla nave a fare la guardia in caso di ladri e intrusi. Spero lo sviluppino, perchè ha tutte le carte in regola per far diventare Sinbad – il personaggio – degno della sua fama.

Rina – Seconda a partire da sinistra nella foto. È una ladra scaltra ed agile, che si fida poco degli estranei e tende a pensare solo ‘alla sua pelle’  almeno fino a quando non si ritrova in mezzo a questo gruppo mal fornito di persone a cui inizia ad affezionarsi. Di lei si sa solo che ha avuto un infanzia terribile, qualcosa del suo passato è stato accennato, ma c’è molto altro da scoprire sicuramente. Il suo personaggio non mi ha ancora conquistata – a parte qualche momento di improvvisa simpatia dovuta ad una battuta o ad un momento particolare, per i primi momenti è stata abbastanza insignificante, vedremo se migliorerà nel corso del tempo.

Anwar – Terzo nella foto, dopo Rina. Imbarcatosi sulla Providence come medico di bordo, è tutto quello che in questo tipo di telefilm non dovrebbe esserci: impacciato, studioso di medicina e scienza, pensatore e per di più senza la minima forza fisica o dote di guerriero. La stessa Rina più piccola e minuta è molto più forte e indipendente di lui. Forse è per questo che suscita subito tantissima tenerezza, lui lì c’entra veramente come la nutella sui cavoli, soprattutto se paragonato in forza, aitanza e doti di combattimento agli altri uomini della serie. Qui, permettetemi un’altro paragone con la serie del 96, c’è una somiglianza incredibile con Firouz (interpretato da Tim Progosh, il 4 a partire da sinistra nella foto in alto) anche lui medico, scienziato e inventore di una sensibilità incredibile che però – sapeva combattere! Quindi Anwar, spero che ad un certo punto nella serie, inizierai a farti valere anche a livello fisico, perchè fino ad ora sei uno dei personaggi che preferisco! Ho visto fra le righe anche una possibile relazione amorosa fra lui e Rina e imput di un amicizia particolare fra lui e Sinbad, ma presumo che verrà confermato tutto poi, continuando a guardare la serie.

Sinbad – E siamo arrivati al protagonista della serie, ovviamente il centro della foto. Sinbad come abbiamo detto è un ladruncolo, costretto a scappare da casa, per riuscire a sopravvivere. Al di là della maledizione, dei sensi di colpa e della disperazione per suo fratello e per tutto quello che abbiamo detto succede nella trama locomotrice del telefilm, è un personaggio ancora acerbo, quasi adolescenziale, guidato da crisi testosteroniche che gli fanno combinare più casini che cose giuste. Sicuramente è il personaggio con più potenziale della serie e personalmente non vedo veramente l’ora che diventi più definito, con più esperienza , che inizi ad imparare ad usare per bene la sua forza e le sue capacità, perchè così è un leader un pò noioso! Ma sono paziente e aspetterò che si sviluppi, perchè ha veramente stoffa e Elliot Knight è molto bravo.

Gunnar – Quinto nella foto dopo Sinbad, il mio personaggio preferito di tutta la serie, fino ad ora. Ha tutto quello che adoro in un personaggio – la forza, il cervello, i tormenti che lo hanno portato al cambiamento. È il mio eroe tormentato per eccellenza ed è  il tipo di personaggio che preferisco. Proviene dal nord (coff coff coff) ed è uno dei pochi la cui storia viene rivelata totalmente in uno dei primi – il che è venuto probabilmente spontaneo visto che è l’unico vero guerriero in un telefilm che dovrebbe esserne pieno, ma non spoilererò nulla. È un pò brutale, un vero vichingo e fino ad ora ha condiviso il ruolo di “comando” con Sinbad ed è una delle ragioni per cui sto continuando a vedere il telefilm, mi intriga tantissimo vedere come lo svilupperanno e che ruolo avrà alla fine.

Tiger – Sesta nella foto dopo Gunnar. Di lei conosco solo il nome, perchè verrà introdotta in un episodio successivo, ho letto che è stata allevata dalle tigri (ancora una volta, un evviva per la fantasia nella scelta dei nomi) ma è tutto quello che so.

Nala – Ultima a partire da sinistra. Nala è di nobili origini, una specie di Principessa della sua gente. È il primo personaggio dell’equipaggio che incontriamo nel pilot e il primo di cui scopriamo il passato in un episodio (oltre a lei, solo Gunnar ha avuto lo stesso trattamento, mentre per gli altri abbiamo avuto solo episodi più incentrati su di loro, ma senza particolari backstories) Ovviamente non spoilererò nulla nemmeno per quanto riguarda lei. Donna molto orgogliosa e particolarmente recettiva rispetto alla magia, non so se è solo per una sensibilità particolare o per un motivo ben preciso. Anche lei come Rina non mi ha colpito particolarmente, sta molto sulle sue, molte volte parla a sproposito e ha pochissime qualità utili nello sviluppo delle avventure (almeno di quelle che ho visto io) avevo visto la possibilità di una sorta di relazione fra lei e il nostro aitante protagonista, ma essendo questa molto meno accennata rispetto alla possibile storia Rina-Anwar, probabilmente me la sono un pò sognata 😛

Per evitare di fare un enciclopedia, mi fermo a questi personaggi e cercherò di trarre adesso le mie conclusioni.
Sicuramente è un telefilm che mi ha lasciata fino ad ora un pò in bilico fra il “mi piace” e il “non mi piace” se siete arrivati a leggere fino a qui, vi spiego il perchè:

Mi piace perchè:  Le ambientazioni e il cast sono molto realistiche, perchè il non riuscire a definire i personaggi subito è frustrante e intrigante allo stesso tempo e perchè i peronaggi sono talmente tanto disadattati e assortiti male da risultare irrimediabilmente simpatici, anche se spero che si compattino presto e diventino più svegli, altrimenti potrei mollarlo, a lungo andare diventa noioso.

Non mi piace perchè: Molte scene sono girate con la camera a spalla – e se da un lato è realistico e posso anche accettare la scelta stilistica, nelle scene di lotta la camera tremolante non ti permette di apprezzare a pieno il combattimento e quindi le doti da guerriero del personaggio, lasciandoti con un senso di insoddisfazione, perchè sì, magari Sinbad a vinto contro quelle 4 guardie, ma tu volevi apprezzare il gesto (oltre che le coreografie degli stuntmen). Non mi piace anche per la fretta e per i pochi dettagli che danno nelle trame. Avendo una base fantasy basata su creature mitologiche e letteratura, ci sarebbe la possibilità di sbizzarrirsi con creature ed incantesimi, cosa che non succede, rendendo i personaggi completamente e totalmente inetti alla magia e tantissimi effetti speciali costosi e suggestivi passano così senza nome e senza gloria all’interno della trama.
“Cos’è quello?” ” Boh, un tentacolo nero che se lo tocchi ti uccide”
No grazie, io voglio nomi e dettagli sulle creature!

Lo consiglierei? Ni – È sicuramente intrigante e suggestivo, ma se siete appassionati di fantasy conoscerete già di meglio, e se non lo siete fidatevi, c’è sicuramente di meglio. Personalmente continuerò a guardarlo perchè essendo appassionata di Sinbad in quanto tale, voglio vedere come verrà sviluppato, come lo cambieranno e quali avventure e creature gli faranno affrontare, ma non è sicuramente uno dei telefilm nella mia top ten.
Detto questo, se lo avete visto, se avete intenzione di vederlo, se avete giudizi, opinioni, pareri su come ho recensito questa cosa…commentatemi, fatemi sapere, insomma fatevi sentire, nel frattempo vi lascio il trailer.

p.s. Ovviamente do per scontato che sappiate che guardo le cose in lingua originale!

It happens to me really often to get excited – and wanting to talk for hours – about some things, people around me aren’t really interested in.
They follow me for 10 minutes, but after that I have to change the subject if I don’t want to bore them to their death, and that’s why I thought I could insert here another category, the “review” one.
The main purpose is to review stuff I happen to read, listen or watch that gives me some good imputs to talk about it. And I start this new category talking about a tv show based upon a character and his adventures that are really close ti me – and who knows me, really knows that too – Sinbad the Sailor.
I have to tell before going on with this, that my affection for Sinbad comes from my unstoppable and truly unconditional passion for another tvshow, based on the same character I became obsessed with ‘some’ years ago: “The New Adventures of Sinbad” 1996, Canadian production.

This tv show has been the first one that obsessed me in some ways, I won’t miss an episode it didn’t matter if it was new or a re-watch, and I was contantly holding on a famous italian tv guide to discover if it would be aired again in the following years.
Let’s be clear about this, my nickname “LadyMaeve” comes from that.
Following the trail of old tvshows like Xena and Hercules, The New Adventures of Sinbad got into me from the start because of the group dynamics I could not find in Hercules or Xena that were basically a “duo” of characters (lead and sidekick), here instead the characters were 5 and each of them had his history, his particular features and he brought something unique and special into the group that worked perfectly in the context.
(Dynamics that I later found in another similar show “The New Adventures of Robin Hood”) what they created was a familiar situation and a trust feeling among the characters that always fascinated me, maybe because I just wanted a group of ‘friends’ to belong to, someone I could define ‘family’ even if there were no true blood bonds. That’s why I had a true addiction to this show, that lasted for years, fueled after a while by the internet that has allowed me to find websites and infos I was not able to reach during the first airing of the show, and so can you imagine my surprise when I found out that after 14 years, in the United Kingdom, Sky1 decided to bring back the Sinbad character for a new tv show!

I had to start watching it as soon as I could to understand what I was dealing with.
Making comparisons is of course natural when you love something so much, but I trust myself to be smart enough to make them end at some point and follow my own path when there’s nothing more to compare.
Now, obviously this review will be totally spoiler free, I don’t want to take away the fun of eventually watching the show.
So let’s start with the comparisons part:
Ignoring the TONS of photoshop used in this promo picture, it’s immediately understandable that compared to the Canadian ’96 version, this Sinbad is surely more realistic in the cast selection, for how cute Zen Gesner was, a blonde and blue eyes Sinbad was pretty much unlikely, Elliot Knight (the guy in the center, of the promo pic, of course) is surely more visually believable.
Another main difference is the point from which the story starts to be told:
In ’96 Sinbad comes back to Baghdad after two years spent at sea, while in 2012, we met a Sinbad born and grown up in Basra, that still hasn’t got the sea in his life.
In the ’96 Sinbad puts together a crew for a specific reason – save the daughter of the Caliph – in the pilot and save his master, the wizard Dim Dim after.
In 2012 Sinbad’s crew is brought together by some more or less fortunate circumstances.
And from now on it’s creal enough that we’re talking about two completely diffrent things, and that whatever comparison is stupid and useless.
So let’s talk about the plot, the characters and what I personally think about this tvshow.

The scheme of the tvshow is different from what you would expect watching the first episodes, which start and develop a very specific plot:
Sinbad a young thief of Basra, kills in a illegal fist fight the son of Lord Akbari (portayed by Naveen Andrews, Sayid of the Lost serie) brother of the Emir of Basra. Akbari to repay the blood debt (one life for one life) captures Sinbad and his older brother, Jamil, killing him in front of Sinbad.
Destroyed by the guilt and the pain, Sinbad escapes the prison and goes back home, where his Grandmother curses him – ‘You won’t be able to put foot on land for more than one cycle of the sun’ – and she puts a medallion around his neck.
Now, Sinbad is now of course forced to flee at sea and he illegally get on board of a ship – Providence.
What he does not know is that Akbari is not satisfied and he swore to find Sinbad and kill him for what he has done to his son, fueled in his hate by his mage Taryn, and ignoring the wise advices of his brother, the Emir.

Here we have a plot which potentially could develop for the whole season  – maybe even more – with Sinbad trying to flee from Akbari trying at the same time to survive the curse of his Grandmother, which forces him to stay at sea.
There are so many things going on here that you really could do more than 12 episodes (the whole confirmed first season) but in the end – and I say this without making any spoilers – this whole plot is resolved and ended early than you would expect, maybe even rushed out a bit, leaving a huge “what now?” that from one side is intriguing from the other is a bit disappointing for how fast the whole thing gets resolved and some other plot hints are being thrown in the way without a particular meaning or a specific line.
This rush I found in the plot, I found also in the characters, which are portrayed a bit here and a bit there during various episodes, in a very quick way, waiting for the centered-episode which will make you know them a bit more.
Now, let’s talk about the characters a bit – following the promo picture from left to right:

Cook –  He’s the only, true seaman. Cook of the ship (I bet you never would have guessed, huh?) and the only survivor of the original crew of the Providence, he loves the ship so much he actually never gets off it, not even to take supplies. Up to now, his character is the lest defined and probably the most funny of them all, he doesn’t care about anything that’s not good food and his beloved ship. I think he has a lot of unexplored potential, and if the fact that he always stays on board is a disadvantage when it comes to fightings because everyone is with one less sword, from another point of view it is realistic that  in that time, in that place, someone watches over the ship from thieves and intruders. I hope they will develop the character, because he has all the cards to make Sinbad – the character – worth of his legend.

Rina – She’s a foxy and agile thief with trusting issues and that has a strong survival insticnt, she always thinks abut her ‘own skin’ first, well at least until she finds herself in this badly-matched group to whom she soon starts to feel affection for. What we know about her is only that she had a terrible childhood, something about her past has been told, but not much and there’s something else there for sure. Her character hasn’t really gotten on me – except some really nice moments in particular plot turns, for the first moments she’s been pretty much meaningless to me, we’ll see if she will grow on me in the future.

Anwar – He got on board of the Providence as ship doctor, he’s everything you should NOT be in this kind of shows: clumsy, medicine and science schola, thinker and with no phisycal strenght or warrior skills at all. Rina herself petite and tiny as her is more strong and independent than him. Maybe that’s why he suddenly strike as the cutie of the group, he’s got nothing to do with the other men of the show, especially if we’re looking at strenght and fighting skills. And here if you allow me, I’d like to make another little comparison with the ’96 series, there’s an incredible similarity between this character and Firouz (portayed by Tim Progosh, the fourth starting form left in the promo up there) he was also a doctor, a scientist and inventor and he was really a sensitive guy but – he knew how to fight! So, Anwar, I hope at some time in the serie you’ll learn how to fight and stand against the enemies, because up to now, you’re one of my favourites characters! I also saw between the lines a possible love story between him and Rina and an imput of a special friendship between him and Sinbad, but I think everything will be confirmed afterward, while the show will go on.

Sinbad – And here we are to our main character. Sinbad as we said before is a thief, forced to flee from home, in oder to be able to survive. Putting aside for a while the whole curse and all the guilt and pain and despair for his brother and all we have told happens in the main plot of the show, he’s an inmature character, almost teenagerish some time, guided by some testosterone’s crisis that makes him cause more trouble than wise stuff. Surely he’s the character that has most potential (I mean, he’s the LEAD!) and I can’t wait for him to be more defined, more experienced, I can’t wait til he really manage to master his abilities and his strenght, because as he is now, he’s a pretty boring leader (and lead). But I’ll be patient and I’ll wait for him to develop, because he has all the cards and Elliot Knight is really good.

Gunnar – Oh! He is absolutely my favourite character in the whole show til now. He’s everything I love in a character – the strenght, the brain, the torments that mde him change. He’s truly my tormented character, and I just have a thing for tormented heroes. He comes from the north (cough cough cough) and he’s one of the few that had his backstory revealed completely in one of the first episodes – which came probably natural since he’s the only real and true warrior they have in a show that should be packed with them, but I won’t spoil anything. He’s a bit brutal, a true Viking, and up to now he shared the “I make decision” part with Sinbad. He’s one of the main reasons I’m sticking with this show, I’m really intrigued by him and I want to see where he’s going and which role he will play in the end.

Tiger – I only know her name, since she’s to be introduced in one of the next episodes, I read somewhere that she was raised by tigers (what a surprise! Really, who chose the names?) and this is all I actually know.

Nala – Nala belongs to a noble family, somekind of a Princess for her people. She’s the first crew member we see in the plot (except for Sinbad, of course) and the first that has her backstory revealed in a centric episodes (as I told you, the only other character that has his back story in an episode is Gunnar, the others do have centric episodes, but it’s more a ‘get to know them now’ instead of ‘this is where they come from’) Obviously I won’t spoil anything about her. She’s a very proud woman and she’s very receptive when there’s magic at work, she always has this weird feeling – which are right most of the time – but I don’t know if it’s just a sensibility of if there’s a reason behind this. As Rina, she didn’t really stiked me as a character, she’s always on her own and she’s not very open, when she speaks, most of the time makes not really that much sense and she hasn’t got any special abilities that could be useful in the developing of the adventures (at least the ones I watched) I kinda saw a possibility of a romance between her and our charming lead, but since it’s barely hinted compared to the Anwar-Rina, maybe I just dreamt of that 😛

Now, to avoid this post becoming somekind of a wiki, I’ll stop to the main characters, and I’ll try to draw my conclusions.
Surely it’s a tv show that has left me a bit on the edge between “I like it” and “I don’t like it” and now I’ll explain why:

I like it because: Settings and casts are real, they feels real and believable. The fact that you can’t really define the characters since the beginning while being also frustrating it’s really intriguing, and because the group is so badly matched and clumsy together you can’t really not find them funny and nice to watch, even if part of me wishes they will get together before the situationg gets boring.

I don’t like it because: A pretty large amount of scenes are shot with a “camera on shoulder” technique and if I can approve the stylistic choice, in the fighting scenes having the bouncy camera makes it impossible to enjoy and really appreciate the whole thing, the moves and the coreography and consequantly the fighting skills of the character, leaving you unsatisfied, because yes, maybe Sinbad won against the 4 evil guards, but you really wanted to see him punching them on the ground!
I don’t like it because plots and details are rushed. It’s a fantasy show, you should be able to sink in the magic and in the legends and creatures and magic spells you find there, but there’s not such thing. And this not only makes the main character totally DUMB towards magic, but doesn’t really makes you enjoy the wonderful effects and graphics the show has.
“What’s that?” “I don’t know some black tentacle that kills you if it touches you”
Ehm NO THANK YOU! I want name and details about the creatures!

Would I advice it? yes and no – It’s certainly intriguing and suggestive, but if you’re keen on fantasy you already know better and if you’re not, trust me there is better. Personally I will keep on watching it because first of all I am a “sinbad passionate” and I want to know where this is going, I wanna see how the character will be developed and which adventures he’ll be in, but it’s certainly not in my tvshows top ten.
This being said, if you’ve seen it, if you want to see it, if you have opinions, thoughts about how I reviewd this stuff…tell me, comment me, drop me a message, whatever give me feedbacks!
In the meanwhile I leave you with the trailer.

Annunci

3 thoughts on “Review: TvShow – Sinbad (Sky1, UK – 2012)

  1. well, i watched most of the episodes too and as huge loyal fan of “The Adventures Of Sinbad” yeah i totally agree with all you mentioned in your article 🙂 and it’s not only me but my friends as well had similar ideas of yours so that we doubt about one of those who’re working on the new series being one of the big fans of the old show 🙂 well i wish to add some things here: the similarity between Rina and Talya characters -if you remember her as she appeared in only one episode in season 1 “the eye of Kratos”- and the similarity between Maeve and Nala and between the relationship at the beginning of the show between Nala/Sinbad and the early one of Maeve /Sinbad ….. so many similar shots, however they change it after that and Nala left crew, also that Maeve character was in fact divided on two characters not only one :Nala and Gunnar where you can notice these shared treats between Maeve and those two in some complicated way ,,, well my point of view is better expressed in the link below as a member of Distant Lands i invite you to visit our board as we all are very loyal fans of AoS and here is our main page http://distandlands.proboards.com/index.cgi ,,,, and the discussion that show my simple point of view is here http://distandlands.proboards.com/index.cgi?board=chat&action=display&thread=491&page=5 ,,, this is page 5 please keep going to the further pages you’ll find many detailed points of view,,,, and i’ll be interested and honored to your reply for such opinions and theories 🙂 also enjoy our rpg 😉

    • Hey There! First of all thank you for your comment! It’s awsome to see one finally, after the huge work I invested in this review!
      Sure I remember Talya! I actually never liked her because she forced Sinbad to admit in an akward way that Mave was “nothing” to him, and I’m a HUGEEEEE Sinbad/Maeve shipper, but yes, I see the similarities you’re talking about, even if – again – Talya was an hell of a fighter, while Rina is more like ‘using agility’ to overcome enemies, but that fits in the ‘only Gunnar and Sinbad are real warrior until now’ plot they are having there.
      😀 As for the similarities between Nala and Maeve? Mmmhhh I think it’s more of an attitude, how Nala stood on the deck wrapped in her cloaks was similar to how Maeve’s stood there, but Maeve has never had such stupid ideas like “let’s diplomatically talk to the guards” she was all “knock them down with flame arrows” kinda of girl! (absolutely loved that!)
      As for the similarities between Gunnar and Maeve…mmmhhhh in the torment, maybe? They both seems to be hanging on the past and to be tormented by it, so in a way yes, I can see something there too.
      Ohhh Distant Lands… yes, I know that. It would be nice to get back there, but I actually don’t know how other members will greet me, since I was there for a while but it kinda slipped away my fingers when my life started to get busy and I didn’t logged in there anymore 😦

      • “Ohhh Distant Lands… yes, I know that. It would be nice to get back there, but I actually don’t know how other members will greet me, since I was there for a while but it kinda slipped away my fingers when my life started to get busy and I didn’t logged in there anymore 😦 ”
        I reckon by now you know the answer to this. ;D Welcome back, dear!!!! =D

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...